Discon

Termini di servizio

1. Generale

 

1.1 Discon GmbH (di seguito denominato “fornitore”) fornisce tutti i servizi esclusivamente sulla base dei presenti termini e condizioni generali (GTC). del cliente non si applicano, anche se il fornitore non si è espressamente opposto.

 

1.2 Questi termini e condizioni si applicano anche se il fornitore fornisce il servizio al cliente senza riserve a conoscenza di condizioni contrastanti o divergenti del cliente. In questi casi, l’accettazione del servizio da parte del cliente è considerata come accettazione dei presenti termini e condizioni con la contestuale e con la presente accettata rinuncia alla validità dei propri termini e condizioni.

 

1.3 Le offerte sono sempre non vincolanti. Un contratto viene concluso solo con una conferma d’ordine scritta da parte del fornitore. Se il servizio viene eseguito dal fornitore senza che il cliente abbia ricevuto in anticipo una conferma d’ordine, il contratto viene concluso al momento della consegna o all’inizio del servizio.

 

2. Oggetto del contratto, servizi, diritti d’uso

 

2.1 Il fornitore noleggia al cliente hardware, software di analisi e, se applicabile, diritti di utilizzo per i servizi dal cloud per la durata del presente contratto. Il cliente riceve un manuale operativo per l’hardware fornito e la documentazione per il software. Hardware, software e diritti d’uso vengono concessi in locazione come un sistema uniforme, di seguito denominato “oggetto di noleggio”. L’articolo a noleggio è fornito per l’uso contrattuale specificato nel contratto di noleggio o nelle specifiche del servizio o nella conferma d’ordine. Salvo diverso accordo in singoli casi, la natura, l’ambito, le condizioni di utilizzo e l’ambiente di sistema dell’articolo a noleggio derivano anche dal rispettivo contratto di noleggio o dalle specifiche del servizio o dalla conferma d’ordine, in ogni caso con la descrizione del prodotto corrispondente e, se necessario , dal manuale operativo e dalla documentazione, in quest’ordine.

 

2.2 La progettazione dell’oggetto in locazione si basa sui requisiti tecnico-funzionali del cliente comunicati dal cliente. Il contratto di noleggio o le specifiche del servizio riflettono in particolare i criteri di prestazione concordati. Tra le altre cose, contiene anche i criteri da concordare per determinare la prontezza operativa ai sensi della Sezione 6.

 

2.3 Il fornitore consegna l’oggetto in leasing di cui alla sezione 2.1 a un costo separato al luogo di installazione specificato nelle specifiche del servizio. Il fornitore si assume anche l’installazione della proprietà in affitto a un costo separato e garantisce la prontezza operativa. La consegna dell’oggetto locato, l’accertamento della prontezza operativa e l’attuazione del controllo della prontezza operativa avvengono nei tempi e nei criteri specificati nel contratto di noleggio o nelle specifiche del servizio. Ulteriori servizi del fornitore devono essere commissionati separatamente e pagati separatamente.

 

2.4 Adeguamenti o modifiche al software e la creazione di interfacce a programmi di terze parti da parte del fornitore sono dovuti solo nella misura in cui sono necessari per la manutenzione o la riparazione dell’oggetto noleggiato o per garantire l’uso contrattuale definito nel contratto di noleggio o nel servizio specifica. Il fornitore ha il diritto di fornire al cliente nuove versioni migliorate del software noleggiato – di seguito denominate “nuove versioni” – con almeno lo stesso contenuto / ambito del servizio concordato al momento della conclusione del contratto. Per queste nuove versioni si applicano di conseguenza le normative stipulate tra le parti. Dopo un ragionevole periodo di tempo, che non supera i tre mesi, il cliente è obbligato a utilizzare solo queste nuove versioni, a meno che ciò non sia irragionevole per lui.

 

2.5 Il fornitore fornisce solo analisi, pianificazione e servizi di consulenza correlati per il contratto di noleggio o le specifiche del servizio sulla base di un contratto separato.

 

2.6 Il bene locato è fornito ad uso esclusivo del cliente. L’articolo in leasing può essere utilizzato solo per gli scopi specificati nel contratto di locazione o nelle specifiche del servizio. Il cliente non ha il diritto, senza il previo consenso del fornitore, di consentire a terzi di utilizzare l’articolo noleggiato, compreso il software fornito ai sensi del presente contratto, in particolare per noleggiarlo o prestarlo. L’utilizzo da parte dei dipendenti del cliente è consentito nell’ambito dell’uso contrattuale.

 

2.7 Salvo diverso accordo, il fornitore concede al cliente il diritto semplice e non esclusivo di utilizzare il software durante il periodo di noleggio per i propri scopi interni nell’ambito dello scopo stipulato contrattualmente. Se la consegna dell’hardware include software necessario per la sua funzionalità, il cliente riceve un solo diritto di utilizzarlo con questo hardware. In caso contrario, tutti i diritti rimangono al fornitore.

 

2.8 Il fornitore ha il diritto di adottare misure tecniche adeguate per proteggere dall’uso non contrattuale. L’uso contrattuale dei servizi non deve essere pregiudicato.

 

2.9 Il fornitore può revocare il diritto d’uso del cliente o rescindere l’intero contratto se il cliente viola eventuali restrizioni sull’uso o altre normative per la protezione contro l’uso non autorizzato. La revoca o la risoluzione avviene mediante dichiarazione scritta; La sezione 13.1 frase 3 si applica di conseguenza. Il fornitore deve concedere al cliente un periodo di grazia per l’azione correttiva prima dell’annullamento o della risoluzione. In caso di ripetizione e in circostanze particolari che giustificano la revoca immediata o la risoluzione senza preavviso, tenendo conto degli interessi di entrambe le parti, il fornitore può esprimere la revoca o la risoluzione senza fissare un termine. La sola revoca del diritto di utilizzo non costituisce contemporaneamente risoluzione del contratto. Il cliente deve confermare per iscritto al fornitore l’interruzione dell’uso entro sette giorni di calendario dalla cancellazione o dalla risoluzione. Il cliente ha il diritto di ottenere nuovamente il diritto di utilizzo dopo aver dimostrato di aver interrotto l’uso in violazione del contratto e di aver impedito un uso futuro in violazione del contratto.

 

3. Affitto

 

3.1 Il canone di locazione a carico del cliente risulta dal contratto di noleggio o dalle specifiche del servizio.

 

3.2 Salvo diverso accordo in singoli casi, i prezzi si intendono netti più l’imposta legale sulle vendite applicabile.

 

3.3 Il canone include il compenso per la fornitura dell’immobile locato nonché per la sua manutenzione e riparazione nella condizione contrattuale, che corrisponde al momento in cui è stata determinata la prontezza operativa. La consegna dei materiali di consumo deve essere pagata separatamente.

 

3.4 Se non diversamente concordato nel contratto di locazione o nelle specifiche del servizio, l’affitto per il contratto / anno civile in corso è dovuto in anticipo entro dieci giorni di calendario dal primo contratto / mese di calendario di ciascun anno contabile senza alcuna detrazione. Se il cliente ha concesso un’autorizzazione di addebito diretto, il fornitore riscuoterà il credito dovuto ogni trimestre entro dieci giorni di calendario del primo mese di ogni trimestre. L’obbligo di pagare l’affitto inizia con la determinazione della prontezza operativa da parte del fornitore in conformità con la Sezione 6 o l’inizio dell’uso produttivo della proprietà in affitto da parte del cliente, a seconda di quale sia il precedente. Se il contratto inizia entro un periodo di fatturazione, la remunerazione sarà fatturata proporzionalmente.

 

3.5 Il pagamento del canone di locazione deve essere effettuato su uno dei conti del fornitore specificati sulla fattura. Un pagamento si considera effettuato solo quando viene accreditato su uno dei conti bancari del fornitore.

 

3.6 Se il cliente non risolve un reclamo in tutto o in parte entro la data di scadenza in conformità con il contratto, il fornitore ha il diritto di revocare gli accordi sui termini di pagamento per tutti i reclami aperti in questo momento e di renderli immediatamente esigibili . Il fornitore ha inoltre il diritto di fornire ulteriori servizi solo dietro pagamento anticipato o una garanzia sotto forma di garanzia di esecuzione da parte di un istituto di credito o di una società di assicurazioni del credito autorizzati nell’Unione europea.

 

3.7 Se il cliente è economicamente incapace di adempiere ai suoi obblighi nei confronti del fornitore, o se il cliente presenta istanza di insolvenza, il fornitore può risolvere il contratto senza preavviso. La sezione 321 BGB e la sezione 112 InsO rimangono inalterate. Il cliente informerà tempestivamente il fornitore di un’imminente insolvenza.

 

3.8 Il fornitore ha il diritto di addebitare un interesse del 5% alla scadenza. In caso di inadempienza, il fornitore ha il diritto di richiedere un interesse di 9 punti percentuali sopra il tasso di base. Il diritto del fornitore di richiedere un danno maggiore rimane inalterato.

 

3.9 Il cliente può compensare o trattenere i pagamenti per vizi solo se ha effettivamente diritto a pretese per vizi materiali e / o legali. La sezione 8.2 si applica di conseguenza. Il cliente non ha diritto di ritenzione se il suo reclamo è scaduto. È escluso l’esercizio di un diritto di ritenzione da parte del cliente con un diritto reciproco che non si basi su un diritto del contratto su cui si basano le presenti condizioni generali.

 

3.10 Il fornitore adatterà la commissione da pagare sulla base del contratto a sua ragionevole discrezione all’andamento dei costi, che sono decisivi per il calcolo del prezzo. È possibile un aumento di prezzo e si deve effettuare una riduzione di prezzo se e nella misura in cui, ad esempio, aumentano o diminuiscono i costi di affitto, energia, personale e personale, diritti d’uso sostenuti per mantenere l’oggetto del contratto. Gli aumenti di un tipo di costo, ad esempio i costi energetici, possono essere utilizzati solo per un aumento di prezzo nella misura in cui non vi è alcuna compensazione per eventuali costi in calo in altre aree, come i costi di locazione. In caso di riduzione dei costi, il fornitore deve ridurre i prezzi, a condizione che tali riduzioni di costo non siano compensate in tutto o in parte da aumenti in altre aree. Nell’esercitare la propria ragionevole discrezione, il fornitore sceglierà i rispettivi tempi di variazione del prezzo in modo tale che le riduzioni dei costi non siano prese in considerazione secondo standard meno favorevoli per il cliente rispetto agli aumenti dei costi, ovvero le riduzioni dei costi hanno almeno lo stesso effetto sui prezzi all’aumentare dei costi. Non appena la remunerazione annua aumenta di oltre il 5%, il cliente ha diritto di recedere straordinariamente dal contratto con un periodo di sei settimane dal ricevimento della richiesta di aumento nel momento in cui l’aumento ha effetto.

 

3.11 Il fornitore può richiedere un compenso per il lavoro svolto oltre l’importo specificato nella sezione 3.1, a condizione che: -un difetto segnalato sia correlato all’uso dell’oggetto locato in un ambiente non approvato o modifiche all’oggetto locato effettuate dal cliente o da terzi , – Spese aggiuntive dovute ad adempimento improprio degli obblighi del cliente (vedi in particolare punto 5) Nella misura in cui il fornitore ha il diritto di richiedere un compenso per il lavoro svolto in eccesso rispetto al compenso di cui alla sezione 3.1, questo, salvo diverso accordo scritto tra le parti, ai prezzi di listino applicabili al momento in cui il servizio viene fornito, come così come le tariffe orarie, giornaliere e di spesa e le sezioni di fatturazione del fornitore vengono fatturate.

 

4. Date e scadenze


4.1 Le date e le scadenze sono vincolanti se sono state concordate come vincolanti per iscritto dal fornitore e dal cliente nei singoli casi. Salvo diverso accordo, il periodo inizia con la conclusione del contratto o con l’invio della conferma d’ordine. L’accordo di una data di esecuzione fissa è subordinato alla condizione che il fornitore a sua volta riceva le consegne ei servizi necessari per lui dai suoi rispettivi subfornitori in tempo e in conformità con il contratto.


4.2 Se il mancato rispetto di un determinato tempo di esecuzione è dovuto a eventi per i quali il fornitore non è responsabile (inclusi sciopero o blocco), le date di esecuzione saranno posticipate della durata dell’interruzione, inclusa un’adeguata fase di avvio.


4.3 Se il fornitore è inadempiente con la fornitura di servizi in tutto o in parte, il risarcimento del cliente per danni e spese per inadempienza è limitato allo 0,5% del prezzo per la parte del servizio che non può essere utilizzata a causa del ritardo per ogni settimana completata. La responsabilità per inadempienza è limitata al 5% del prezzo totale del rispettivo ordine. Ciò non si applica se il ritardo è dovuto a negligenza grave o dolo da parte del fornitore.


4.4 In caso di ritardo nella prestazione, il cliente ha il diritto di recesso nell’ambito delle disposizioni di legge solo se il fornitore è responsabile del ritardo. Se il cliente ha diritto a richiedere il risarcimento del danno o il rimborso delle spese in luogo del servizio a causa del ritardo, ha il diritto di richiedere l’1% del prezzo per ogni settimana intera di ritardo per la parte del servizio che non può essere utilizzata a causa di il ritardo, ma in totale un massimo del 10% del prezzo totale del rispettivo valore del contratto. La sezione 4.3 frase 3 si applica di conseguenza.

 

5. Obblighi del cliente

 

5.1 Il cliente nomina il fornitore una persona di contatto che può prendere decisioni vincolanti per il cliente durante l’esecuzione del contratto. Questa persona deve essere disponibile per lo scambio delle informazioni necessarie e per partecipare alle decisioni necessarie per l’esecuzione del contratto. Qualsiasi decisione richiesta dal cliente deve essere presa immediatamente dal referente e subito dopo documentata per iscritto dalle parti.

 

5.2 Il cliente è tenuto a supportare il fornitore per quanto necessario e a creare tutti i prerequisiti necessari per una corretta elaborazione del contratto nella sua sfera operativa, in particolare per consentire l’accesso remoto al sistema e per mettere a disposizione materiale di analisi disponibile. In particolare, prima della consegna dell’oggetto locato, deve creare i prerequisiti spaziali e tecnici comunicatigli in tempo utile dal fornitore, necessari per l’installazione e per rendere operativo l’oggetto locato.

 

5.3 Il cliente informerà immediatamente il fornitore per iscritto (sezione 13.1, frase 3) sui cambiamenti nell’ambiente operativo. Il cliente informerà immediatamente il fornitore anche delle interruzioni derivanti dalla sua area di responsabilità (ad esempio dell’operatore di rete, fornitore di accesso) e della loro durata prevista. Salvo diverso accordo, il cliente garantirà un corretto backup dei dati e un’adeguata prevenzione dei guasti per i componenti tecnici (hardware / software) di cui dispone. Se lo sforzo del fornitore aumenta, può anche, senza pregiudizio per altre pretese, richiedere un compenso per lo sforzo aggiuntivo che ha fatto, a meno che il cliente non sia responsabile del disturbo in caso di interruzione e la causa si trovi al di fuori della sua area di responsabilità. Il calcolo della remunerazione per il lavoro aggiuntivo si basa sui prezzi di listino nonché sulle tariffe orarie, giornaliere e di spesa e sulle sezioni di fatturazione del fornitore applicabili al momento in cui viene fornito il servizio. ^

 

5.4 Il cliente è tenuto a trattare con cura il bene locato ea proteggerlo da eventuali danni. Garantirà il corretto utilizzo e il corretto funzionamento da parte di personale adeguatamente qualificato. Il cliente seguirà le istruzioni per la manutenzione, le istruzioni per la cura e le istruzioni operative del fornitore, in particolare le informazioni contenute nel manuale operativo e nella documentazione, nell’ambito di ciò che è ragionevole per lui. Identificazioni, in particolare segni, numeri di serie, iscrizioni, avvisi di copyright, marchi o simili non possono essere rimossi, modificati o resi illeggibili.

 

5.5 Il cliente si impegna a stipulare a proprie spese un’assicurazione (elettronica) corrispondente al nuovo valore dell’oggetto locato al fine di coprire i rischi per il bene locato per la durata del termine concordato. Il cliente deve fornire al fornitore le prove adeguate al momento della consegna della proprietà in affitto. Se non viene fornita la prova della copertura del rischio per la proprietà in affitto, il fornitore ha il diritto di stipulare un’assicurazione (elettronica) appropriata a spese del cliente.

 

5.6 Il cliente deve segnalare eventuali difetti per iscritto in forma comprensibile, indicando tutte le informazioni necessarie per il rilevamento e l’analisi dei difetti. In particolare devono essere specificate le fasi di lavoro che hanno portato al verificarsi del difetto, la frequenza di comparsa e gli effetti del difetto. Salvo diverso accordo, utilizzerà le rispettive forme e procedure del fornitore. Il cliente deve anche supportare il fornitore nell’eliminazione dei difetti.

 

5.7 Il cliente consente ai dipendenti e agli agenti del fornitore l’accesso gratuito alla proprietà in locazione per lavori di manutenzione e riparazione durante il normale orario lavorativo del fornitore. I legittimi interessi di sicurezza del cliente devono essere salvaguardati

 

6. Determinazione della prontezza operativa

 

Dopo che il fornitore ha messo a disposizione del cliente l’articolo noleggiato, il fornitore e il cliente stabiliranno congiuntamente che è pronto per l’uso. A tal fine, il fornitore e il cliente possono utilizzare i criteri concordati nel contratto di locazione o nelle specifiche del servizio (sezione 2.2) per garantire che la proprietà in affitto resa disponibile sia in una condizione contrattuale. Per quanto riguarda la disponibilità operativa, il cliente lo confermerà su un modulo corrispondente dal fornitore.

 

7. Modifiche alla proprietà in affitto / cambiamento del sito di installazione

 

7.1 Il fornitore ha il diritto di apportare modifiche alla proprietà affittata, a condizione che queste vengano utilizzate per la manutenzione. Le misure di miglioramento possono essere attuate solo se sono ragionevoli per il cliente e l’uso contrattuale dell’oggetto noleggiato non è compromesso di conseguenza. Il fornitore informerà il cliente in anticipo sulle misure appropriate. Se il cliente sostiene delle spese a causa di queste misure, queste devono essere rimborsate dal fornitore.

 

7.2 Le modifiche e le aggiunte alla proprietà in affitto da parte del cliente richiedono il previo consenso del fornitore. Ciò vale in particolare per componenti aggiuntivi o installazioni, nonché per il collegamento della proprietà in affitto con altri dispositivi, sistemi EDP o reti. Le azioni del cliente che non richiedono il consenso per quanto riguarda i programmi per computer forniti in conformità con la Sezione 69d UrhG rimangono inalterate. Al momento della restituzione dell’articolo noleggiato, il cliente ripristinerà le condizioni originali su richiesta del fornitore.

 

7.3 L’installazione dell’oggetto in affitto in un luogo di installazione diverso da quello specificato nel contratto di noleggio richiede il previo consenso del fornitore. Il fornitore rifiuterà la sua approvazione solo se ci sono ragioni importanti che lo rendono irragionevole. Il fornitore può richiedere che il trasporto e la reinstallazione vengano effettuati da lui o da specialisti qualificati da lui nominati a prezzi di mercato. Il cliente si assume le spese e i costi di follow-up associati a un cambio di ubicazione, nonché eventuali costi aggiuntivi per la manutenzione e l’assistenza che potrebbero derivarne.

 

8. Difetti materiali

 

8.1 Il fornitore si impegna nei confronti del cliente a mantenere l’immobile affittato per la durata del periodo di locazione in una condizione idonea all’uso contrattuale e ad eseguire i necessari lavori di manutenzione e riparazione. Tale obbligo si riferisce esclusivamente alla condizione contrattuale dell’immobile locato al momento in cui viene determinata la prontezza operativa.

 

8.2 I reclami per vizi sono esclusi se lo scostamento dalla qualità contrattuale è dovuto a un uso improprio o all’uso dell’oggetto noleggiato in condizioni d’uso non concordate o in un ambiente di sistema non concordato. Lo stesso vale per tali deviazioni che derivano da influenze esterne speciali che non sono richieste contrattualmente.

 

8.3 È esclusa la responsabilità senza colpa del fornitore ai sensi dell’articolo 536a, paragrafo 1 del codice civile tedesco (BGB) per i difetti che erano già presenti al momento della conclusione del contratto.

 

8.4 Il cliente è tenuto a segnalare per iscritto in forma comprensibile e dettagliata eventuali vizi di noleggio, indicando le informazioni necessarie per l’individuazione e l’analisi dei difetti. In particolare devono essere specificate le fasi di lavoro che hanno portato al verificarsi del difetto, la frequenza di comparsa e gli effetti del difetto. Salvo diverso accordo, utilizzerà i moduli e le procedure pertinenti del fornitore a tal fine; La sezione 13.1 frase 3 si applica di conseguenza. Inoltre, il cliente deve supportare il fornitore per quanto necessario nell’eliminazione dei difetti. Il cliente eserciterà qualsiasi opzione a cui possa avere diritto in merito ai reclami per vizi entro un termine ragionevole; questo è generalmente misurato a due settimane dall’opportunità del cliente di prenderne atto.

 

8.5 I difetti vengono risolti durante l’orario lavorativo del fornitore tramite rilavorazione o riparazione gratuita dell’oggetto noleggiato. Al fornitore deve essere concesso un periodo di tempo ragionevole per questo. Con il consenso del cliente, il fornitore può sostituire l’articolo a noleggio o singoli componenti dell’articolo a noleggio allo scopo di rimediare al difetto. Il cliente non negherà irragionevolmente il proprio consenso a questo.

 

8.6 Una risoluzione da parte del cliente ai sensi dell’articolo 543, paragrafo 2, frase 1, n. 1 del codice civile tedesco (BGB) a causa del mancato utilizzo della merce in conformità con il contratto è consentita solo se il fornitore è stato fornito opportunità sufficienti per rimediare al difetto e questo è fallito. Il mancato rimedio al difetto può essere assunto solo se è impossibile, se viene rifiutato dal fornitore o ritardato in modo irragionevole, se ci sono dubbi giustificati sulle possibilità di successo o se per altri motivi è irragionevole per il cliente .

 

8.7 I diritti del cliente a una garanzia per difetti sono esclusi nella misura in cui apporta modifiche all’oggetto noleggiato o le fa apportare senza il previo consenso del fornitore, a meno che il cliente non possa dimostrare che le modifiche non hanno effetti irragionevoli sull’analisi e la rimozione di il desiderio. I diritti del cliente dovuti a difetti rimangono inalterati, a condizione che il cliente abbia il diritto di apportare modifiche, in particolare nell’ambito dell’esercizio del diritto di apportare modifiche ai sensi dell’articolo 536a, paragrafo 2 del codice civile tedesco, e queste sono state eseguite professionalmente e documentato in modo comprensibile.

 

8.8 Il termine di prescrizione per i difetti materiali è di un anno dall’inizio del termine di prescrizione legale. I termini di legge rimangono inalterati in caso di violazione intenzionale o gravemente negligente dei doveri da parte del fornitore, in caso di occultamento fraudolento di un difetto e in caso di lesioni alla vita, all’incolumità fisica o alla salute, nonché per reclami ai sensi del Prodotto Legge sulla responsabilità.

 

8.9 Il fornitore può richiedere il rimborso delle sue spese nella misura in cui agisce sulla base di un rapporto senza che sia presente un difetto, a meno che il cliente non possa riconoscere con uno sforzo ragionevole che non vi è stato alcun difetto o sforzo aggiuntivo dovuto ad adempimento improprio degli obblighi del cliente in particolare secondo le sezioni 5.2 e 5.3

 

8.10 Le clausole 10.1-10.4 si applicano in aggiunta alle richieste di risarcimento danni e al rimborso delle spese.

 

9. Difetti di titolo

 

9.1 Il fornitore è responsabile nei confronti del cliente per qualsiasi violazione dei diritti di terzi a seguito della sua prestazione se il servizio è utilizzato dal cliente in conformità con il contratto, in particolare nell’ambiente di utilizzo previsto contrattualmente. La responsabilità per la violazione dei diritti di terzi è inoltre limitata ai diritti di terzi all’interno dell’Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, nonché nel luogo di utilizzo contrattuale del servizio. La sezione 8.2 frase 1 si applica di conseguenza.

 

9.2 Se una terza parte afferma contro il cliente che un servizio da parte del fornitore viola i suoi diritti, il cliente è obbligato a informare immediatamente il fornitore. Il fornitore ha il diritto, ma non l’obbligo, di respingere i crediti asseriti a proprie spese, per quanto consentito.

 

9.3 Se i diritti di terzi sono violati da un servizio del fornitore, il fornitore a propria scelta ea proprie spese: – fornirà al cliente il diritto di utilizzare il servizio o – renderà il servizio esente da violazioni. Gli interessi del cliente sono adeguatamente presi in considerazione.

 

9.4 Il cliente esercita il diritto di scegliere entro un ragionevole periodo di tempo. Questo di solito equivale a due settimane.

 

9.5 I reclami del cliente per vizi legali scadono in prescrizione ai sensi della Sezione 8.8. Per richieste di risarcimento danni e rimborso spese si applicano anche i paragrafi 10.1-10.4.

 

10. Responsabilità

 

10.1 Il fornitore è responsabile per danni – per danni causati intenzionalmente o per negligenza grave da lui e dai suoi rappresentanti legali o agenti ausiliari, – in conformità con la legge sulla responsabilità del prodotto e – per danni da lesioni alla vita, al corpo o alla salute che il fornitore, i suoi rappresentanti legali o ausiliari devono rappresentare.

 

10.2 Il prestatore è responsabile in caso di colpa lieve, nella misura in cui lui oi suoi rappresentanti legali o ausiliari hanno violato un obbligo contrattuale essenziale (cosiddetto obbligo cardinale), il cui adempimento consente la corretta esecuzione del contratto nel primo luogo o la cui violazione pregiudica il raggiungimento dello scopo del contratto e la sua conformità (come nel caso di un obbligo di fornire un servizio impeccabile) di cui il cliente può regolarmente fidarsi. In caso contrario, è esclusa la responsabilità per colpa lieve. Nella misura in cui il fornitore è responsabile per negligenza lieve, la responsabilità per danni alla proprietà e danni finanziari è limitata al danno prevedibile tipico del contratto. È esclusa la responsabilità per altri danni consequenziali remoti. Per un singolo caso di danno, la responsabilità per caso di danno è limitata a sei volte l’affitto mensile. Questo paragrafo non pregiudica la responsabilità in conformità con la Sezione 10.1.

 

10.3 La clausola 8.8 si applica di conseguenza ai termini di prescrizione.

 

10.4 Nel caso del necessario ripristino di dati o componenti tecnici (hardware / software), il fornitore è responsabile solo dello sforzo richiesto dal cliente per ripristinare i dati con un corretto backup dei dati e un’adeguata prevenzione dei guasti per quanto riguarda i componenti tecnici. In caso di lieve negligenza da parte del fornitore, questa responsabilità sorge solo se il cliente ha eseguito adeguati backup dei dati e adeguate precauzioni immediatamente prima dell’incidente. Questo non si applica se questo è stato concordato come servizio dal fornitore.

 

10.5 Le sezioni 10.1-10.4 si applicano di conseguenza alle richieste di rimborso delle spese e altre richieste di responsabilità da parte del cliente nei confronti del fornitore.

 

11. Durata del contratto / fine del rapporto di locazione

 

11.1 Il contratto è inizialmente concluso dalla data concordata per la durata del termine concordato. La risoluzione ordinaria da entrambe le parti è esclusa durante questo periodo minimo. In caso contrario, il contratto può essere risolto regolarmente con un periodo di tre mesi, al più presto al termine del periodo minimo. Se ciò non avviene, il contratto viene prorogato per un altro anno, a meno che non sia stato correttamente risolto con un preavviso di tre mesi alla fine del rispettivo periodo di proroga. § 545 BGB non si applica.

 

11.2 Il diritto di recesso del cliente secondo la Sezione 3.9 e la Sezione 8.6, nonché il diritto di ciascuna parte alla risoluzione straordinaria per giusta causa, rimane inalterato.

 

11.3 Qualsiasi avviso di risoluzione deve essere in forma scritta per essere efficace; La sezione 13.1 frase 3 si applica di conseguenza.

 

12. Restituzione dell’oggetto locato

 

12.1 Al momento della risoluzione del rapporto contrattuale, il cliente deve restituire l’oggetto del noleggio per intero al fornitore in una condizione che corrisponda all’uso contrattuale. L’obbligo di restituzione include anche i programmi per computer forniti sui supporti dati originali, inclusi i manuali di funzionamento / installazione e la documentazione. Eventuali copie e download dei programmi per computer forniti dal provider devono essere eliminati o distrutti completamente e definitivamente. Il cliente è tenuto a confermare per iscritto al fornitore la restituzione completa e la cancellazione.

 

12.2 Al momento della restituzione del bene locato, viene redatto un registro in cui vengono registrati eventuali danni e difetti esistenti nel bene locato. Il cliente è tenuto a rimborsare il costo del ripristino in caso di danni o difetti di cui è responsabile. 12.3 Se non diversamente concordato nelle specifiche del servizio, il cliente sostiene i costi per lo smontaggio, l’imballaggio e il trasporto di ritorno dell’oggetto noleggiato.

 

13. Varie

 

13.1 Modifiche e integrazioni a tutti i contratti conclusi tra le parti devono essere concordate solo per iscritto. La forma testuale (126b BGB) è sufficiente per questo requisito di forma scritta. Nella misura in cui una forma scritta è stata espressamente concordata nel contratto (ad esempio per una modifica o un recesso del contratto), la forma del testo non è sufficiente. Gli accordi orali sono validi solo se confermati per iscritto dal fornitore entro sette giorni; un fax o una e-mail è sufficiente per il requisito della forma scritta.

 

13.2 Il fornitore e il cliente sono obbligati a mantenere la segretezza sui segreti commerciali e commerciali, nonché altre informazioni designate come riservate che diventano note in relazione al loro rapporto contrattuale o al rapporto contrattuale risultante. Tali informazioni possono essere trasmesse solo a persone che non sono coinvolte nella conclusione, esecuzione o elaborazione del rapporto contrattuale – salvo che non vi sia un obbligo legale – solo con l’espresso consenso scritto del partner contrattuale. Salvo diverso accordo, questo obbligo termina cinque anni dopo che le rispettive informazioni vengono a conoscenza, ma non prima della fine del rapporto contrattuale tra il fornitore e il cliente.

 

13.3 Nella misura in cui il fornitore può accedere ai dati personali memorizzati sui sistemi del cliente, agirà esclusivamente in qualità di responsabile del trattamento (art. 4 n. 8 GDPR) e tratterà e utilizzerà questi dati solo per l’esecuzione del contratto. Il cliente concluderà accordi sulla protezione dei dati con il fornitore per il trattamento dei dati personali. Il fornitore osserverà i requisiti legali per l’elaborazione degli ordini e le istruzioni del cliente (ad es. Per rispettare gli obblighi di cancellazione e blocco) per la gestione di questi dati. I partner contrattuali imporranno questi obblighi anche ai propri dipendenti e ad eventuali terzi impiegati. Il cliente si assume le conseguenze negative di tali istruzioni per l’esecuzione del contratto. Quanto segue si applica al rapporto tra fornitore e cliente: Il cliente è responsabile del trattamento (inclusa la raccolta e l’uso) dei dati personali nei confronti dell’interessato, a meno che il fornitore non sia responsabile per eventuali reclami dell’interessato dovuti ad un inadempimento a lui imputabile. Il cliente sarà responsabile del controllo, dell’elaborazione e della risposta a qualsiasi domanda, richiesta e reclamo dell’interessato. Ciò vale anche se l’interessato si avvale del fornitore. Il fornitore supporterà il cliente nell’ambito delle sue mansioni. Le parti si impegnano a rispettare le norme sulla protezione dei dati pertinenti al momento della restituzione della proprietà in affitto. I partner contrattuali concorderanno per iscritto il trattamento dei dati personali, per quanto necessario in conformità con la Sezione 11 (2) BDSG o altre norme legali, prima che il fornitore possa accedervi. I partner contrattuali imporranno questi obblighi anche ai propri dipendenti e ad eventuali terzi impiegati.

 

13.4 Il fornitore e il cliente sono consapevoli che la comunicazione elettronica e non crittografata (ad es. Via e-mail) è irta di rischi per la sicurezza. Con questo tipo di comunicazione, né il fornitore né il cliente faranno valere affermazioni basate sulla mancanza di crittografia, a meno che la crittografia non sia stata concordata in anticipo.

 

13.5 Tutti i rapporti contrattuali tra le parti sono soggetti esclusivamente alla legge della Repubblica Federale di Germania.

 

14. Luogo di esecuzione e foro competente


14.1 Luogo di adempimento per tutti gli obblighi derivanti dai rapporti contrattuali delle parti è la sede legale del prestatore.


14.2 Il foro competente per tutte le controversie legali derivanti dai rapporti contrattuali delle parti nonché per le controversie relative alla creazione e all’efficacia di tali rapporti contrattuali è la sede legale del fornitore nei confronti dei commercianti, una persona giuridica di diritto pubblico o un fondo speciale di diritto pubblico. Tuttavia, il fornitore ha il diritto di citare in giudizio il cliente al suo posto.

DISCON GmbH